2009 2 settembre 2009

Rilascio compassionevole in Scozia: la politica attuale e la legge

Pubblicato da sotto legge internazionale , diritto scozzese : Printer-friendly format for this post Formato stampabile per questo post

Il governo scozzese ha rilasciato oggi una discreta quantità di documentazione di base sulla decisione di concedere il rilascio compassionevole al Megrahi (meglio indicizzato, credo, qui su BBC Scozia ). Ci sono ancora una serie di documenti che per un motivo o un altro non sono stati pubblicati, come ad esempio le dichiarazioni fatte dal governo degli Stati Uniti, per la quale l'ambasciata americana ha rifiutato il permesso .

Il testo completo della politica del governo scozzese sul rilascio compassionevole non ha però, credo, stato reso pubblico. Grazie a un corrispondente che mi ha mandato una copia di questo, è ora pubblicato su questo sito . E 'molto più completa rispetto alla sintesi della politica nella dichiarazione del ministro della Giustizia , anche se sottolineo che la sintesi era giusto e preciso.

I prigionieri ei procedimenti penali (Scotland) Act 1993, la sezione 3 è la sezione di abilitazione (che saranno eventualmente sostituite dalla sezione 27 delle pene privative della libertà e delle armi (Scotland) Act 2007 , ma non vi è alcuna differenza). Questo dà un ampio potere discrezionale. La politica è piena in questo scozzese prigioni Servizio circolare del giugno 2005 . I principi generali sono al paragrafo 4, che è stato citato nella dichiarazione di Kenny Macaskill. Si vedrà che si tratta di una condizione che non vi siano disposizioni specifiche in vigore per la cura ed il trattamento sul rilascio, che mette fuori i suggerimenti che ci avrebbe potuto essere il rilascio di una casa in Newton Mearns, o in un ospedale di Glasgow, o davvero ovunque altro nel Regno Unito.

A titolo di confronto, ci sono disposizioni simili in Inghilterra. La politica inglese è pubblicato qui ed è praticamente la stessa come la nostra; vedi parte 12 E 'fatta ai sensi della sezione 30 del Crimine (frasi) Act 1997.

In ogni caso, queste sono le totalità delle politiche da applicare. Ci sono stati almeno due sfide legali da prigionieri in Inghilterra (nessuno che io sappia in questo paese però) per il mancato rilascio; R v ministro ex parte Spinks [2005] EWCA Civ 275 e R v Ministro della giustizia ex parte AS , [2009] EWHC 1315 (Admin). Entrambi non hanno avuto successo, perché il ministro aveva fedelmente applicato il criterio ai fatti. In Spinks, paragrafo 16, è stato sottolineato che la politica di governo del Regno Unito è stato quello di applicare la politica pubblicata in tutti i casi; non c'erano eccezioni nascoste. La decisione in Spinks è racchiuso in questo passaggio:

51 Il Segretario di Stato è tenuto a valutare se ci sono "circostanze eccezionali" e "motivi umanitari". La risposta parlamentare scritta del 15 febbraio 1999 stabilisce i criteri che il Segretario di Stato usa in tutti i casi. Non si sostiene che questi sono criteri inadeguati o che sono incompleti. Essi comprendono pertinentemente che il detenuto è affetto da una malattia terminale e che la morte è probabile che si verifichi presto e che il rischio di recidiva è passato. Rivolgendosi "circostanze eccezionali" e "motivi umanitari" contro questi e gli altri criteri necessariamente richiede un giudizio di equilibrio. Spetta al Segretario di Stato per valutare l'equilibrio. Quando, come in questo caso, il Segretario di Stato ha chiaramente preso in particolare esame condizione Mr Spinks 'nel contesto di possibile rilascio, il giudice non avrebbe richiesto il Segretario di Stato, con qualsiasi ordine particolare, di portare la questione ulteriormente a meno che il giudice ha concluso che il Segretario di Stato di valutazione del bilancio era chiaramente sbagliata.
52 Ci deve essere aggiunto a questa considerazione l'analisi dell'articolo 3 della Convenzione sui diritti umani. Se il protrarsi della detenzione Mr Spinks 'pari a una violazione dell'articolo 3, il Segretario di Stato sarebbe obbligato ad adottare misure per fermare la violazione. Potrebbe essere possibile per fermare la violazione da parte di mezzi diversi di rilasciare il prigioniero. Se l'unico modo di fermare la violazione fosse di liberare il prigioniero, il Segretario di Stato sarebbe obbligato a permettere l'immissione. Nell'ambito della sezione 30 della legge del 1997, questo può essere visto nel senso che, se c'è una violazione dell'articolo 3 e l'unico modo per fermare la violazione è quello di rilasciare il detenuto, il saldo delle "circostanze eccezionali" e " motivi compassionevoli "deve cadere in favore del rilascio.

Entrambi i paesi hanno anche il congedo compassionevole a breve termine per i detenuti, e in Inghilterra tra il 1 dicembre 2002 e il 30 novembre 2004, 1.273 licenze sono state concesse per motivi umanitari per i trasgressori che scontano pene per omicidio .

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo è anche rilevante, come gli inglesi Appello Corte ha rilevato nella Spinks, soprattutto perché il regime di devoluzione scozzese è, naturalmente, che il governo scozzese ha alcun potere legale di agire in violazione della Convenzione. In un caso recente, Aleksanyan contro la Russia , [2008] CEDU 1745, la Corte europea ha riassunto la giurisprudenza in tal modo:

136 La Corte affronta spesso accuse di assistenza medica insufficiente o inadeguata nei luoghi di detenzione. In circostanze eccezionali, all'articolo 3 può andare così lontano da esigere la liberazione condizionale di un prigioniero che è gravemente malato o disabile. Così, in Farbtuhs v. Lettonia, (no. 4672/02 2 dicembre 2004), la Corte ha concluso che la detenzione di un disabile di 79 anni, ricorrente, in violazione dell'articolo 3, a causa della "sua età, infermità e situazione sanitaria "(vedi anche Papon c. Francia (n. 1) (dicembre), no. 64666/01, CEDU 2001-VI, e Priebke c. Italia (dicembre), n. 48799/99, 5 aprile 2001 ).
137 Nel decidere se o non la detenzione di una persona gravemente malata ha sollevato una questione ai sensi dell'articolo 3 della Convenzione, la Corte ha preso in considerazione diversi fattori. Così, in Mouisel v. Francia 1 , n. 67263/01, §§ 40-42, CEDU 2002 IX), la Corte ha esaminato tali elementi del caso, come (a) lo stato di salute del detenuto, (b) l'adeguatezza dell'assistenza medica e di cure fornite in detenzione e (c ) l'opportunità di mantenere la misura detenzione in vista dello stato di salute del richiedente.

Così, sui fatti pubblicati di caso di Megrahi, ha avuto il governo scozzese ha rifiutato di consentire il rilascio compassionevole in termini di una politica che era stata applicata da esso e dai suoi predecessori Lib-Lab, e prima di loro da laburisti e conservatori Segretari di Stato allo stesso modo, si sarebbe stato impugnabile con ottime prospettive di successo (si veda, per la discussione e l'espansione di questa affermazione, commentare qui sotto da FP HEUR e la mia risposta ). Questo è il modo in cui la legge funziona; esso non improvvisamente cessa di operare perché la persona che rivendica i suoi benefici è criminale, o uno straniero, o perché il rilascio è politicamente indesiderabile. Ancora di meno a causa della suggestione improbabile che gli americani di boicottare la Scozia e tutte le sue opere , se legge scozzese si applica in modo imparziale e giudizialmente.

Come un altro confronto, la legge francese ha dato la legge del 4 marzo 2002 (codice di procedura penale, l'articolo 720.1.1) previsto per il rilascio compassionevole "a prescindere dalla natura della pena o la restante parte per essere servita ... in cui è stato stabilito che il prigioniero ha una malattia pericolosa per la vita o che il suo stato di salute è incompatibile a lungo termine con la detenzione continuata, salvo nei casi in cui le persone detenute in un istituto psichiatrico sono ricoverati in ospedale. "Questo, per inciso, ha seguito un report dall'Assemblea Nazionale, che aveva criticato il mancato svincolo malati terminali nel linguaggio altrettanto vero in Scozia, dicendo questo:

La presenza della [molto malato] in carcere solleva la reale questione del loro morire lì. Guardiani e gli altri detenuti non sono preparati a questa eventualità e non disposizioni appropriate sono in atto per aiutare i prigionieri nei loro ultimi momenti. Morire in carcere significa sperimentare una sensazione di solitudine senza speranza. Essa equivale ad un'ammissione di fallimento e di rifiuti per le famiglie che non possono essere presenti come si avvicina la fine.

Tutti cerchiamo personale penitenziario, per quanto possibile, di trasferire i detenuti in ospedale nei loro ultimi giorni; tuttavia, ciò solleva nuovamente la questione degli ufficiali di scorta e la difficoltà di chiamare i servizi di polizia o della gendarmeria. Menzione è anche spesso stato fatto l'atteggiamento dei medici, che troppo spesso mandano i pazienti torna in carcere una volta che l'allarme è finita, con la stessa facilità come se stessero tornando a casa. Un caso a Caen, dove un medico ha inviato il paziente torna in prigione solo per lui di morire due giorni dopo sembra aver avuto un effetto particolarmente profondo sul personale penitenziario.

Non c'è dignità nel morire in carcere. Sorge pertanto la questione se i malati o gli anziani dovrebbero continuare a essere detenuti.

Questo approccio al rilascio compassionevole non è insolito in tutto il mondo.

Il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, che rappresentano efficacemente i governi europei nel suo insieme, ha detto questo nel 1998 :

La decisione di quando i pazienti sottoposti a prognosi infausta a breve termine dovrebbero essere trasferiti alle unità ospedaliere esterne dovrebbe essere presa per ragioni mediche. In attesa di tale trasferimento, questi pazienti devono ricevere assistenza infermieristica ottimale durante la fase terminale della loro malattia all'interno del centro sanitario della prigione. In questi casi è opportuno prevedere per la cura tregua periodica in un ospizio fuori. La possibilità di un perdono per ragioni mediche o di liberazione anticipata dovrebbe essere esaminato.

Non riesco a immaginare che il rilascio di Megrahi sarà in pochi anni essere visto come una decisione peggiore della decisione del governo britannico di liberare settantotto assassini che avevano assassinato insieme molte più persone che sono state assassinate a Lockerbie; o l' governi decisione degli Stati Uniti di rilasciare un assassino di (per sua convinzione) ventidue, dopo tre anni e mezzo anni di arresti casa; o la decisione del governo britannico che Pinochet non dovrebbe mai rispondere delle accuse di omicidio a causa del suo presunto cattivo stato di salute.

Ma era stata la decisione di abrogare la legge in modo che Megrahi morisse in carcere, mentre Musa Kusa e il colonnello Gheddafi si sono adulato il da Washington e Londra , che, credo, sono venuto per essere visto come una vergogna.

Poscritto

Ho in mente la decisione della Corte d'appello su richiesta di cauzione di Megrahi nel novembre 2008, [2008] HCJAC 68, quando la Corona nell'opporsi cauzione ha sottolineato che il rilascio compassionevole era un'opzione per ogni detenuto condannato. A quanto pare il documento politico è stato prodotto e di cui. La Corte ha dichiarato questo:

[11] I ministri scozzesi hanno il potere legale di liberare un prigioniero in servizio sulla licenza per motivi compassionevoli. Consigli è stato rilasciato per l'esercizio di tale potere. In generale, nel caso di un detenuto affetto da una malattia terminale, l'aspettativa di vita di meno di tre mesi può essere considerata una condizione opportuno occasion liberazione anticipata. Non si sostiene che la ricorrente attualmente soddisfa tale criterio.
[12] Questo tribunale non è vincolato da tali considerazioni. Si può avere una visione molto più ampia di qualsiasi considerazione compassionevoli sollecitato su di esso. [...]
[15] Il potere discrezionale conferito alla Corte di ammettere una persona condannata per salvare in attesa della determinazione del suo appello è ampiamente espresso. La Corte può, fatte salve alcune disposizioni che non si applicano qui, quindi ammettere una persona "se lo ritiene opportuno". Nella sentenza della Corte il fattore più significativo in favore del ricorrente è lo stato della sua salute. La Corte è sorpreso che, nonostante che i motivi del ricorso sono state presentate nel dicembre 2007, nessuna domanda di libertà provvisoria è stata presentata prima d'ora. Assente la diagnosi recente, le prospettive di successo di una tale domanda sarebbe stato remoto. La questione cruciale, in quanto il giudice vede, è, sullo sfondo della atrocità di cui il richiedente erge condannato, se la salute del ricorrente, presente e futuro, è tale che il Tribunale voglia per motivi compassionevoli ora ammetterlo per salvare. A conti fatti, la Corte non è convinta, sulle informazioni di prima, che dovrebbe. Mentre la malattia di cui soffre il ricorrente è incurabile e può causare la sua morte, egli non è al momento il dolore la sofferenza materiale o disabilità. I servizi completi del Servizio Sanitario Nazionale sono a disposizione per lui, nonostante lui è in carcere. Vi è, sembra, alcuna prospettiva immediata di grave deterioramento delle sue condizioni. La prognosi per il suo sviluppo è attualmente incerta. Se lui risponde bene al corso di cure palliative che ha iniziato, la sua aspettativa di vita potrebbe essere in anni. Se lui non risponde bene, che l'aspettativa può essere meno buona. Pur riconoscendo che il peso psicologico della conoscenza di una malattia mortale incurabile può essere più facile da sopportare in un ambiente familiare che in stato di detenzione, la Corte, vista la grave natura della condanna e tenendo conto del fatto che è stato fatto un riferimento e il fatto che il processo di appello rischia di essere protratta, non è convinto che lo stadio è stato raggiunto quando la liberazione anticipata è appropriato. Se il richiedente non risponde bene al trattamento che sta intraprendendo e la prognosi diventa tanto più certa e più poveri, una fase può quindi essere raggiunto quando un diverso smaltimento appropriato.

  1. In Mouisel v Francia , la Corte europea dei diritti dell'uomo ha ritenuto che il mancato rilascio di un prigioniero che era gravemente malato di leucemia è pari a una violazione dell'articolo 3 [ indietro ]
share save 171 16 photo

14 commenti pubblicato

14 commenti pubblicati su "rilascio compassionevole in Scozia: la politica attuale e la legge"

  1. [...] Jonathan Mitchell QC >> Compassionate release in Scotland: the actual policy and the law http://www.jonathanmitchell.info/2009/09/02/compassionate-release-in-scotland-the-actual-policy-and-the-law – view page – cached The Scottish Government today released a fair amount of background documentation on the decision to grant compassionate release to Megrahi. There are still a number of documents which for one reason or another haven't been published, such as the representations made by the US government, for which the US Embassy refused permission. The full text of Scottish Government policy on compassionate release has not however, I think, been made public. Thanks to a correspondent who sent me a copy of this, it is now published on this site. — From the page [...]

  2. Hector MacQueen No Gravatar il 2 Settembre 2009 alle 09:41

    Grazie Jonathan, questo è davvero roba eccellente e spero che venga letto da alcuni dei nostri parlamentari sia Holyrood e Westminster.

  3. Des Fik No Gravatar il 2 Settembre 2009 alle 04:04

    Una spiegazione di prima classe della complessità giuridiche coinvolte, grazie. Lungo il nostro sistema può continuare ad essere amministrato in modo indipendente e senza paura o favore.

  4. Caronte QC No Gravatar il 2 Settembre 2009 alle 19:05

    Eccellente post - e getta luce per quelli di noi a sud del confine, che non sono addestrati nel diritto scozzese.

  5. FP Heur No Gravatar il 3 set 2009 alle 19:38

    Grazie per la compilazione di queste informazioni. E 'stato frustrante come un avvocato americano di incontrare una tale carenza di riferire sulla legge applicabile scozzese relativa a tale decisione.

    Tuttavia, sono in disaccordo con il tuo post.

    Secondo la sezione 3 (1) della Legge rilevante, il Ministro può rilasciare il prigioniero se ritiene che vi siano motivi compassionevoli che giustificano tale rilascio.

    Nel determinare se vi siano motivi compassionevoli sufficienti a giustificare un rilascio, uno dei fattori da prendere in considerazione è la natura del reato per il quale il prigioniero è stato condannato, come da allegato 1 delle Carceri scozzesi circolare del giugno 2005.

    Il caso Spinks si citi sopra afferma che, per quanto riguarda la legge inglese sul rilascio compassionevole, la decisione è in definitiva una questione di giudizio che è riservato al Segretario di Stato, a meno che tale giudizio è "chiaramente sbagliato."

    Quindi, la decisione di rilasciare Megrahi non è stato costretto dalla legge scozzese, ma era in realtà un potere discrezionale da parte del ministro, che pesava il valore di rilascio compassionevole nei confronti, tra l'altro, la natura di reato di Megrahi. Le decisioni analoghe in Inglese affrontare tale discrezionalità simile delegata sostengono che, se non chiaramente sbagliato, i tribunali non ulteriormente intervenire.

    Lungi dall'essere un imparziale, quasi meccanico, applicazione del diritto, questa è stata una applicazione discrezionale di criteri vaghi, da cui le persone ragionevoli potrebbero anche aver deciso diversamente.

    E 'il giudizio del ministro con cui tanti in tutto il mondo prendono problema. Legge scozzese, in base alla mia comprensione delle fonti fornite nel tuo post, non fornisce alcuna protezione, né scusa, per decisione del ministro. Infatti, tale legge espone enfaticamente il suo giudizio come la fonte ultima della decisione, e il soggetto adeguato di critiche.

    E vi assicuro che la sua decisione, scottato nella memoria degli americani e dei britannici, da fotografie della festa di benvenuto di Megrahi, non sarà dimenticato.

  6. JM No Gravatar il 3 set 2009 alle 22:32

    @FP Heur: You raise important issues as to the extent of the discretionary power given to the Justice Secretary which deserve a fuller reply than I have the time to give ( I do have a day job!). You are certainly right to say that the decision was not a mechanical application of law but an exercise of judgment. I think however that the fundamental problem with a decision to refuse compassionate release would have been that many years of operation of the policy had probably (and I do not want to suggest that this is beyond argument) given applicants such as Megrahi a legitimate expectation which was enforceable in law. The 'nature of the offence', which you rightly identify as mentioned in Annex 1 as a relevant factor, seems never in fact to have been permitted to trump the factors identified in paragraph 4.1 of the policy such as terminal illness, as distinct to paragraph 4.2 cases. Once a case was recognised as checking off the 4.1 boxes, the prisoner got compassionate release. Che era come funzionava.

    Both Scottish and English law have moved far in the last twenty years to recognition, as a ground of challenge to an essentially discretionary decision, of the proposition that the language of a policy, or indeed its actual operation, may give a person a right to complain that it is not being applied to them. The leading case is usually taken to be Coughlan , 1999 EWCA Civ 1871; see paragraphs 55 to 59 in particular. As a particularly striking example, I'd point to Rashid , 2005 EWCA Civ 744, where the Home Secretary was held to a policy although (a) he didn't know he had such a policy and (b) the petitioner didn't either (and yes, I know that sounds wrong, but it's a fair summary). This has been applied in Scotland, eg AA , 2008 CSOH 83, which summed up Rashid as “ inconsistent and therefore unlawful application of a policy “. I had a case a couple of months ago where the Home Secretary said “the language of my policy means X”; in itself, that was thoroughly arguable as the language was ambiguous, but on it being pointed out that the year before he had said it meant the opposite he put his hands up; he didn't suggest that because it was his policy it meant whatever he said it did, but accepted that the inconsistency was necessarily unlawful; and he was right to surrender.

    Had the Justice Secretary turned round last month and said “I know it's never been the policy to allow the seriousness of the crime to trump terminal illness, but in reaction to this case I am changing that”, ex hypothesi retrospectively, he'd have been challenged by judicial review, and I repeat that I think the prospects of that challenge succeeding would in my opinion have been excellent.

    This is not a full description, but a summary, of the law.

  7. Alan Bundy No Gravatar il 4 Settembre 2009 alle 09:59

    Ottimo articolo. Questo è chiarito un sacco di problemi.

    Mi interessa come rilascio compassionevole comune per motivi di malattia terminale è, in entrambi Scozia e Inghilterra. Le cifre si citi comprendono il rilascio a breve termine. Avete anche figure più specifiche?

  8. Fred Flintstone No Gravatar il 4 Settembre 2009 alle 10:42

    @ FP Heur: "la sua decisione, scottato nella memoria degli americani e dei britannici, da fotografie della festa di benvenuto di Megrahi, non sarà dimenticato."

    Ecco un bel pic wee del party di benvenuto per il capo di Megrahi a Washington DC il 21 aprile di quest'anno: http://www.state.gov/r/pa/ei/pix/2009a/04/122021.htm .

    Il testo dice: ( http://www.state.gov/secretary/rm/2009a/04/121993.htm ):

    SEGRETARIA CLINTON: Sono molto lieto di accogliere il ministro Gheddafi qui al Dipartimento di Stato. Apprezziamo profondamente il rapporto tra Stati Uniti e Libia. Abbiamo molte opportunità di approfondire e ampliare la nostra cooperazione. E sto molto impaziente di costruire su questo rapporto. Quindi, Signor Ministro, benvenuto così tanto qui.
    Sicurezza Nazionale GHEDDAFI: Grazie.
    SEGRETARIA CLINTON: Grazie. Siamo felici che tu sia qui.
    Sicurezza Nazionale GHEDDAFI: Grazie.
    SEGRETARIA CLINTON: Grazie a tutti voi.

  9. MekQuarrie No Gravatar il 21 Settembre 2009 alle 12:04

    Una veramente bel pezzo di dottrina (e commovente intollerabilmente). Ci sono autorità sostanziali sul tanto decantato "lunga tradizione scozzese" di relase compassionevole? Q

  10. Dr Jim Swire No Gravatar il 7 Ottobre 2009 alle 11:00

    Sono Jim Swire, padre di Flora assassinato sul piano Lockerbie. .am neither lawyer nor politician

    On 12th Oct I have been invited to Dohar to debate and oppose the motion

    'This house deplores the return of the Lockerbie Bomber to Tripoli'

    Incidentally I'm told the Doha debate will be broadcast on BBC World News:
    on 24th Oct at 07.10, 15.10, 19.10 (GMT)
    and 25th Oct at 00.10, 07.10, 15.10, and 20.10

    I am much in tune with your comments re the compassionate release of Megrahi, and delighted that the poor guy is now at home with his much-loved family.

    I strongly support his release and object to the casual use of the phrase 'the Lockerbie bomber'. I am satisfied that he was not guilty as charged, and in view of the SCCRC findings, if nothing else, should be described at worst as 'the man found guilty of the Lockerbie bombing'.

    I would like to discuss the release issue with you if you can find the time, and it might well be that we would find some advantage in keeping in touch, specially as it begins to look as if the verdict may now have to be reviewed somehow, despite the withdrawal of his appeal.

    For your interest, below is the text of what I said to MacAskill before the decision had been made.

    Cordiali saluti,

    Jim Swire

    Jim Swire, to Scottish Justice Secretary, Kenny MacAskill 1/7/09

    Secretary,

    The prisoner transfer agreement (PTA), which is among the subjects we will raise with you today was born in what the media have come to refer to as 'the deal in the desert' between Prime Minister Blair and Colonel Gaddafi.

    Noi, i parenti di alcuni di coloro che sono morti a bordo della Maid of the Seas nel 1988 veniamo da un deserto più profondo oscuro di più di 20 anni di durata: il deserto di perdita in cui abbiamo cercato la verità e la giustizia. Durante questi 20 anni, di volta in volta, ci è stato negato una richiesta da tutta una serie di primi ministri inglesi. Quasi l'unica luce a brillare in quel buio è stato quegli aspetti della verità che abbiamo raccolte dallo studio delle prove ha portato a Zeist. Ci troverete fare causa comune per la continuazione quindi del ricorso attuale come veicolo unico attualmente disponibile per scoprire più di questa verità desideriamo ardentemente, e di cui abbiamo un diritto inalienabile.

    Sono grato per l'opportunità di mettere le mie opinioni personali a voi oggi, che è sia un privilegio e un onore. So che all'interno del nostro gruppo c'è una grande speranza che l'appello attuale chiarire i principali dubbi che circondano questo verdetto e gettare luce sulla verità, cerchiamo di come i nostri amati famiglie è venuto per essere protetto, e di cui era la mano che uccise li. Ma oggi il mio appello è un individuo dal cuore.

    Lei ha la grande responsabilità di decidere come bilanciare le esigenze della Scozia, il suo sistema di giustizia penale e il suo popolo, contro il quale sarà l'impatto sul prigioniero Baset Al Megrahi, che fino ad ora ha sempre sostenuto la sua innocenza e la sua disperazione per cancellare il suo nome.

    Hai la nuova procedura del contratto Prisoner Transfer (PTA) da considerare, e la consapevolezza che Baset sta morendo nella sua cella di prigione e che la sua presenza non aggiunge nulla al processo giudiziario, non più di quanto il suo rilascio potrebbe mettere in pericolo ulteriormente il pubblico.

    Posso parlare solo per me, ma per voi di prendere qualsiasi passo che avrebbe annullare l'appello attuale sarebbe un anatema per me e credo per molti altri parenti del Regno Unito. Mi rendo conto che per il presente appello di Baset di continuare, è una scelta costosa in termini non solo di denaro, allocazione delle risorse e il tempo dei loro Signorie ", ma solleva anche la possibilità che le decisioni prese da alcuni dei giudici più eminenti della Scozia a Zeist, e il comportamento del Crown Office e la polizia scozzese potrebbe essere messa in discussione se il ricorso successo. Tali possibilità porteranno a pressione su di voi, come prendere la vostra decisione.

    D'altra parte, per consentire il ricorso di essere abbandonata sarebbe un duro colpo per la reputazione internazionale della Scozia e di fiducia interna nel nostro sistema giudiziario per una generazione. Suggerisco che la decisione di utilizzare il PTA e quindi fermare il ricorso sarebbe, a lungo termine, essere ancora più caro acquistato che per consentire l'appello per continuare.

    Subito dopo la questione delle accuse contro i due libici sono andato a vedere il colonnello Gheddafi a invocare il fatto che egli permettono suoi 2 ai cittadini di partecipare giudicate da un tribunale scozzese in quali ho creduto di essere uno dei sistemi più illustri e più giusto della giustizia penale di un paese. Dopo l'intervento di un certo numero di persone eminenti di tutto il mondo, il Colonnello ha accettato, e mi è rimasta in tribunale per tutto, per ascoltare tutte le prove.

    Ho scoperto che, lungi dal sottolineare la loro colpa la prova mi ha convinto che i due non erano semplicemente e colpevole. Questo punto di vista è stato amplificato dal dallo spettacolo di un certo numero di osservatori e giuristi aggiunta a una marea di critiche pubbliche per la mancanza di equità del processo internazionale, e da nuove prove venendo alla luce, in particolare quella relativa alla Heathrow break-in.

    Ma dobbiamo guardare più vicino a casa all'interno dei nostri confini scozzesi per la più significativa critica al processo di sperimentazione: alla SCCRC. Come sapete, signore, hanno scoperto che, in parte a causa di un errore da parte della Corona di condividere materiale probatorio con la difesa, vi era un rischio significativo che un aborto spontaneo della giustizia potrebbe essersi verificato. Da qui l'appello attuale.

    Noi siamo gli eredi di un sistema di giustizia di cui la nostra grande nazione, la Scozia, è stato il protettore orgoglio per secoli, e su cui ora avete una grande influenza. Di fronte lo spettro che Zeist potrebbe essere stato un aborto spontaneo della giustizia da quel grande sistema, durante quello che è probabilmente il caso più significativo che abbia mai maneggiato, sono sicuro che si vuole garantire che il nome della Scozia e la sua giustizia emergono a la barra di storia vendicato. Per che essere evidente per gli storici del futuro, il nostro sistema giudiziario ha bisogno di essere visto per aver reagito in modo responsabile dal di dentro le proprie risorse per la sfida che questo caso ha presentato.

    I risultati sono stati SCCRC ma un primo passo in tale processo di esame di coscienza. Per continuare questo processo abbiamo bisogno di vedere i nostri migliori menti legali rivalutando gli elementi di prova, sia originale e nuovo, per decidere se questo verdetto dovrebbe stare. Che sembra chiedere la continuazione del presente ricorso.

    La notizia che vi era stata una pausa-in all'aeroporto di Heathrow la mattina presto del disastro, e che le informazioni su di esso era rimasta sconosciuta fino a dopo Baset era stato trovato colpevole, mi ha portato a scrivere personalmente a Elish Angiolini nostro Lord Advocate attuale , come un membro vitale del sistema giudiziario scozzese esistente per chiederle di fare tre cose: -

    1) Per scoprire se il Crown Office ha avuto prova della rodaggio durante i 12 anni in cui era rimasto nascosto.

    2) Se tale prova è stato trovato, per mostrare perché non era stata passata al Crown Office da chi deve averlo scoperto durante il loro svolgimento dell'indagine penale.

    3) Per valutare se un nuovo Fatal Accident Inquiry (FAI) deve essere iniziato in vista del depistaggio dato a quella originale e cioè che il giudice doveva presumere che il dispositivo esplosivo deve provenire da Francoforte.

    Deve essere chiaro a qualsiasi osservatore obiettivo che l'assenza di tali informazioni ha influenzato l'equità del processo Zeist, e reso il FAI in grado di esaminare tutti i fattori che potrebbero aver contribuito alla morte. L'assenza di una spiegazione per il suo aver rimasto sotto silenzio per 12 anni ha portato a gravi accuse contro il Crown Office da una delle Nazioni Unite dei nominati osservatori, Prof Hans Koechler, e senza dubbio questi argomenti saranno affrontati fino a quando l'impugnazione continua.

    La mia lettera al Lord Advocate del 5 giugno di quest'anno resta riconosciuto, ma ancora senza risposta.

    In una lettera al coordinatore del nostro gruppo, Jean Berkley, e del 19 giugno di quest'anno, Jack Straw, il vostro numero di fronte a Westminster ha scritto "Come l'(PTA) è stato il primo .... prevedere il trasferimento di un prigioniero, senza il suo consenso ... il comitato misto per i diritti umani ha chiesto più tempo per considerare le implicazioni per i diritti umani di questo ... ". Jack Straw poi rifiutato di consentire che il comitato a tempo pieno che avevano chiesto , di prendere in considerazione quelle implicazioni per i diritti umani.

    Tu, Signore, ma in base alle disposizioni del PTA hanno almeno 90 giorni dalla data della richiesta del governo libico, a prendere in considerazione l'equilibrio tra i diritti del prigioniero, le esigenze del pubblico scozzese ad avere fiducia nel loro sistema di giustizia penale e la esigenze dei parenti di tutte le nazionalità di conoscere la verità su chi uccise i nostri familiari, e perché non è stato impedito di farlo.

    Io penso che gli occhi di quei fieri scozzesi che hanno dato al mondo l'Illuminismo e custodivano il nostro sistema giuridico così bene saranno su vostra decisione.

    Per utilizzare il PTA sarebbe quello di fermare il secondo appello e costerebbe nostro Paese le migliori possibilità di mostrare che può oggettivamente valutare la propria performance passata e, se necessario, essere abbastanza coraggiosi da correggere dall'interno, anche a fronte di pressioni internazionali lorde .

    Sarebbe anche gravemente danneggiare la ricerca da parte dei parenti innocenti per la verità riguardo gli omicidi di loro care famiglie.

    Avete, Sir, un'alternativa che sembra ancora una volta in modo simile a svolgere alcun obbligo giuridico sancito da parte del detenuto di avviare il suo utilizzo. Che sarebbe di concedergli rilascio compassionevole (CR). La decisione di fare questo potrebbe includere disposizione per tornare a casa non appena la PTA poteva, ma senza compromettere il secondo appello in corso.

    Ho iniziato indicando la posizione di Baset, egli ha sempre sostenuto a me che lui è innocente, ma che non voleva tornare a casa dalla sua amata famiglia fino al suo nome, e quella della sua famiglia per il futuro era stato cancellato. Riconosco che per voi la responsabilità di resuscitare il buon nome della giustizia scozzese attraverso la continuazione di questo appello è un problema di gran lunga maggiore rispetto alle esigenze di un individuo prigioniero condannato.

    Ma io sono qui semplicemente come un padre che è determinato a scoprire chi ha ucciso sua figlia e perché non è stato impedito di farlo. Ho il diritto di sapere queste cose, ma come un individuo che non ho mai cercato la vendetta, vendetta deve rimanere nelle mani di un potere molto più grande di quanto tu o io Sir. Così ho applaudito l'allentamento della inimicizia tra la Libia e la Gran Bretagna, ma ho anche empathised con il destino di un uomo, ormai morente, e la sua famiglia, la cui netta separazione tortuoso serve alcuno scopo nell'amministrazione della giustizia, oltre ad essere un mezzo di ridurre le grida di indignazione sollevate da coloro che messi da parte i precetti di gentilezza umana.

    L'uso di Compassionevole Release (CR) permetterebbe Baset casa sapendo che il riesame del suo caso potrebbe continuare. Sarebbe gloriosamente adempiere l'esortazione cristiana 'ama il tuo nemico' per molti che conosco considerano Baset come tale.

    L'uso di CR significherebbe anche che quei parenti innocenti che cercano la verità e disperatamente sperano quindi che il ricorso possa continuare e rivelare più di quella verità otterrebbe il loro desiderio.

    Noi oi nostri discendenti sarà intorno per vedere come i giudici di storia la grande decisione che cade su di te, Signore, per fare.

    Vi auguro la saggezza, l'integrità e la gentilezza umana nel prendere tale decisione pesante.

    Dr Jim Swire, padre di Flora 23 anni, una delle 270 persone uccise a Lockerbie 21/12/88.

    [Dal momento che questo è stato scritto il Crown Office hanno risposto. È interessante notare che entrambi sostengono che non sapevano in merito a Heathrow e sostengono che il materiale di Heathrow non avrebbe fatto alcuna differenza se fosse stato conosciuto per il giudice di merito:. Amazing]

  11. Ashley Sinclair No Gravatar il 12 ott 2009 alle 03:35

    Ciao,
    Sono uno studente di legge presso la George Washington University Law School di Washington DC e sto scrivendo un articolo International Law Review sulla legge di rilascio compassionevole scozzese, sottolineando la Lockerbie prova e l'eventuale rilascio del prigioniero. Ci sono altri esempi in Scozia, dove il rilascio compassionevole è stato concesso o negato? Se il rilascio compassionevole è negata dai ministri, ci sono tutti i processi d'appello ai giudici di essere coinvolti in? Inoltre, ci sono altri articoli come questo che discutono in generale e semplicemente il sistema di giustizia penale in Scozia ora dopo devoluzione dal Regno Unito, come in genere quali aree criminali Scozia ha il controllo di ciò che conta e giustizia penale sono delegati a tribunali inglesi / sistema di giustizia penale? Questo è stato un articolo fantastico e mi chiedo dove posso trovare più come questo proprio ora? Grazie mille per tutto il vostro sforzo e aiuto!

  12. Hector MacQueen No Gravatar il 26 ott 2009 alle 08:47

    In risposta al post di Ashley:

    Il 24 ottobre del quotidiano The Scotsman effettuata una storia in dettaglio tutti i prigionieri casi di rilascio compassionevole dall'inizio della devolution in Scozia - 25 complessivamente. La linea del Scotsman era che Megrahi era già sopravvissuto a cinque in termini di numero di giorni sopravvissuti dopo il rilascio. Per me, ci sono stati altri punti di interesse. Tutti quelli rilasciati bar Megrahi e un altro pubblicato il 18 settembre 2009 sono morti. Tre di quelli rilasciati a parte Megrahi era stato condannato per omicidio. Sette sono stati rilasciati da Lord Wallace, undici da Cathy Jamieson e finora sette da Kenny MacAskill. (Sei prigionieri sono stati rilasciati per motivi umanitari tra il 1993 e il 1997 (quando, se vi ricordate, abbiamo avuto un governo conservatore e un Segretario di Stato per la Scozia cose realmente in esecuzione.) Diciassette dei post-1999 stampa sono stati perché i prigionieri in questione avevano . cancro al fegato Il più lungo è durato 271 giorni dopo il rilascio: altre sopravvivenze relativamente lunghi inclusi periodi di 182, 173, 168, 119 e (due volte) 98 giorni (tutti quindi un po 'superiore al periodo di tre mesi di cui agli orientamenti politici del governo scozzese . sul tema) Tutti tranne uno di questi relativamente lunghi sopravvissuti avuto il cancro, l'eccezione aveva l'AIDS.

  13. [...] Il rilascio era in conformità con i principi scozzesi di compassione e secondo la legge scozzese (vedi discussione qui): stava per morire. Egli non è stato considerato una minaccia. Una volta rilasciato, non poteva essere tenuto in [...]

  14. [...] grandstanding or "playing politics" with the decision. Furthermore, there are at least some grounds for thinking that, since Megrahi satisfied the eligibility criteria for compassionate release, [...]

.
.